Aree per animali in libertà, Mori, a Perugia, serve maggiore attenzione

IL VICESINDACO URBANO BARELLI RISPONDE ALL'INTERROGAZIONE

Aree per animali in libertà, Mori, a Perugia, serve maggiore attenzione

Aree per animali in libertà, Mori, a Perugia, serve maggiore attenzione

PERUGIA – Nell’illustrare la sua interrogazione sulle aree attrezzate per animali in libertà, la manutenzione delle stesse e la realizzazione di nuovi spazi, la consigliera Pd Emanuela Mori ha ricordato come già in passato avesse presentato un ordine del giorno sul tema, approvato all’unanimità dal consiglio a febbraio del 2016, su sollecitazione di numerosi cittadini che segnalavano la mancanza di spazi adeguati e la cattiva gestione di quelli esistenti che non ne permetteva la fruizione ai proprietari di cani. “A novembre di quello stesso anno – ha ricordato Mori – ho presentato questa interrogazione per sapere se l’amministrazione avesse provveduto secondo quanto previsto nell’ordine del giorno, richiesta che oggi ribadisco perché le lamentele dei cittadini ancora proseguono.

In risposta il Vice sindaco Barelli ha evidenziato come l’amministrazione abbia una costante interlocuzione con le associazioni che si occupano delle aree verdi cittadine e quindi anche delle aree di sgambamento dei cani. Queste ultime sono complessivamente 10 (Parco Pescaia, Pian di Massiano, Parco Sant’Anna, Parco della Cortonese, Area verde di via Diaz, Area verde di via Cotani, di Ponte San Giovanni, di Ferro di cavallo, Are verde di San Quirico e di via delle sorgenti ) e di ciascuna l’assessore all’Ambiente ha illustrato la situazione.

“In buono stato di conservazione -ha detto- sono le aree di Cortonese, Ferro di cavallo, via delle sorgenti, via Cotani, Ponte san Giovanni, via Diaz e San Quirico. L’area che necessita di manutenzioni parziali è solo quella del Parco della Pescaia, in cui è necessario un rinforzo della recinzione di ingresso. Infine -ha spiegato ancora Barelli- manutenzioni sono in corso nel centro sportivo di Pian di Massiano, oggetto peraltro di frequenti controlli sia da parte degli uffici sia dell’Afor che della vigilanza comunale- nella quale, anche a seguito di segnalazioni, sono stati svolti interventi di sistemazione delle buche nel prato, colmatura delle buche profonde scavate dai cani, ridimensionamento o eliminazione delle ramificazioni basse dei cipressi nell’area, per evitare ferimenti degli animali e di rinforzo di circa 70 metri di recinzione, danneggiata in più punti.”

L’assessore ha quindi annunciato che sono in programma a partire dall’anno in corso interventi di individuazione di spazi di proprietàcomunale per realizzare nuove aree per cani, anche in virtùdelle richieste dei cittadini stessi. “Per il progetto Futuro nel verde -ha ribadito- abbiamo girato molto per la cittàfacendo oltre venti incontri pubblici e quella delle nuove aree per cani èstata un’esigenza che gli stessi cittadini ci hanno segnalato, a testimonianza evidentemente di un cambiamento della societàche vede sempre piùanimali da compagnia nelle case. A fronte di ciò,  peròmi preme sottolineare anche che è necessario che si sviluppi altrettanto un senso civico maggiore e una sensibilitàcrescente a lasciare le aree verdi in buono stato.”

In programma a partire dal 2017 sono anche l’ampliamento dell’area per cani del Parco di Rimbocchi, con tanto di fontanella, parco nel quale èin fase di sperimentazione anche una nuova illuminazione, la sistemazione dell’area del parco di Sant’Anna e la realizzazione di una nuova area per cani nel parco di via Torelli in collaborazione con l’ass. Nuova Elce. Infine, un ampliamento del parco Chico Mendez che, grazie a un finanziamento giànelle disponibilitàdell’ente, prevede la realizzazione di un nuovo percorso fitness, utile anche a decongestionare quello di Pian di Massiano e un ampliamento dell’esistente spazio per cani in continuità con esso, riservandone una parte ai soli cani di piccola taglia, date alcune difficoltà rilevate sulla convivenza di cani di dimensioni diverse.

Al termine della risposta la consigliera Mori ha ribadito la necessitàdi una maggiore attenzione da parte dell’amministrazione comunale alle esigenze di chi possiede un animale domestico e alla piena fruibilitàdelle aree verdi pubbliche.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*