Primi d'Italia

Raccolte 10 tonnellate di sorgenti luminose esauste in Umbria

Nella raccolta nazionale di rifiuti RAEE R5 Umbria è sedicesima

Raccolte 10 tonnellate di sorgenti luminose esauste in Umbria

Raccolte 10 tonnellate di sorgenti luminose esauste in Umbria

Ufficio Stampa Ecolamp
Ecolamp 
comunica i dati della raccolta di sorgenti luminose in Umbria durante ilprimo semestre 2017: il consorzio senza scopo di lucro ha raccolto e avviato a corretto trattamento circa 10 tonnellate di RAEE del raggruppamento R5lampade fluorescenti compattetubi al neon e LED nel territorio umbro.

 “Il dato relativo ai primi sei mesi dell’anno conferma un andamento positivo della raccolta a cui hanno contribuito sia i conferimenti professionali che quelli, sempre più consistenti, dei privati cittadini.”  Ha commentato Fabrizio D’Amicodirettore generale di Ecolamp, auspicando per la fine dell’anno di superare le 3.000 tonnellate di RAEE di raggruppamento R4 ed R5 gestiti dal Consorzio su tutto il territorio nazionale.

L’Umbria non ha nulla da invidiare ad aree più vaste delle Penisola: la regione del Centro Italia ha contribuitoper quasi 10 tonnellate alla raccolta nazionale di rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche di raggruppamento R5, come lampade fluorescentitubi al neon e LED, da avviare a corretto trattamento durante la prima metà del 2017. Grazie al contributo di Perugia, che con la propria provincia raccoglie circa 7,6 tonnellate di sorgenti luminose esauste, e di Terniche supera le 2,3 tonnellate di RAEE del raggruppamento R5 raccolte nei primi sei mesi dell’anno, l’Umbria si si qualifica sedicesima nella raccolta nazionale gestita da Ecolamp.

 In un’ottica di Economia Circolare, la raccolta di 2 tonnellate di sorgenti luminose esauste in Umbria può essere letta in termini di recupero di materiali impiegabili in nuove produzioni. Nel caso di lampade fluorescenti, tubi al neon e LED, RAEE del raggruppamento R5, il tasso di recupero supera il 97%, di cui il vetro, da solo, rappresenta circa il 75%.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*