Ponte San Giovanni, Disposti a…tutto pur di vedere tappate le buche

da Gino Goti
Non vuole essere un atto di “corruzione” quello ideato da alcuni residenti di via Adriatica a Ponte San Giovanni, disposti ad offrire anche una colazione alla squadra che sarà inviata a tappare le buche che a scadenze ormai fisse e frequenti affiorano o meglio affondano in corrispondenza dei numeri civici 5 e 7.

Dall’areo Roma-Vienna, che sorvola proprio Ponte San Giovanni, quel tratto di strada potrebbe sembrare di una città afgana o irachena o siriana o libica, colpita da bombardamenti aerei o da granate indirizzate a qualche carro armato o a mezzi pubblici da feroci attentatori. Più volte il tratto è stato rifatto “molto superficialmente – dicono nella zona – e in situazioni atmosferiche non proprio ideali per stendere un tratto di asfalto.

Cioè non si è scavato per verificare se il danno derivava dal cedimento della massicciata e per quale motivo, forse più profondo, quel tratto proprio sembra insanabile”. Non sarà certamente la colazione per una squadra di operai a convincere chi di dovere a sanare il danno, ma sono certi, in via Adriatica, che si porrà comunque attenzione alla segnalazione con un pronto intervento approfittando della bella stagione che ben si presta a depositare asfalto nuovo e, soprattutto, a lavori leggermente più profondi per una cura migliore e più duratura.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*