Perugia parco Pietro Aretino a la Pallotta, guardate che schifo [FOTO]

"Ecco lo stato del parco di via Pietro Aretino alle 10:00 di domenica mattina"

Perugia parco Pietro Aretino a la Pallotta, guardate che schifo

Perugia parco Pietro Aretino a la Pallotta, guardate che schifo

da Giampiero Tamburi (Coordinatore P:SC)
Carissimo e stimatissimo Sindaco nonché amico Andrea Romizi
PERUGIA – Ti porto a conoscenza del post che, questa mattina, il nostro Referente di Zona (RZ), della Pallotta Massimo Sposini, ha pubblicato sulla pagina di PERUGIA: SOCIAL CITY, con tanto di foto al seguito, che allego alla presente, della situazione del parco Pietro Aretino, che tu conoscerai benissimo per quante volte i residenti si sono appellati a te per far cessare uno stato di cose che, nel modo più assoluto, è diventata, dopo tanti anni che si ripete, davvero problematico per la salute degli stessi residenti.

Se da una parte, come avviene a Palazzo dei Priori, si dice che il verde pubblico è stato messo nelle condizioni ottimali perché i residenti ne possano appieno usufruire, è naturale che alle parole devono seguire i fatti e, scusa se lo ribadisco, in questo parco, i fatti, parlano da soli.

Si potrà obbiettare; “Il parco è piccolo, di poca importanza nel contesto delle numerose aree verdi del nostro Comune, per cui è alquanto difficile controllare ciò che avviene”.

No! Spero proprio che non si ragioni così perché i residenti che da svariati anni e non esagero dicendo da decine (!), sono gli stessi perugini che abitano al centro storico o in qualsiasi altra parte INN, con tanto di parchi blasonati di Perugia e nulla, proprio nulla indica che debbano essere trattati in maniera diversa.

Non mi dilungo troppo perché in fatto è chiaro e conosciuto. Aspettiamo solo un tuo deciso e doveroso intervento per risolvere questo irritante problema.

Questo il testo integrale del nostro RZ:

Ecco lo stato del parco di via Pietro Aretino alle 10:00 di domenica mattina dopo i bivacchi e i bagordi della sera precedente. Questo è il parco dove tutto è permesso, dove si può giocare a pallavolo (su un campo che sarebbe da basket), si possono fare barbecue (vedi sabato pomeriggio) e di conseguenza si possono servire pietanze, si può urlare a squarciagola a tutte le ore e si può rimanere tranquillamente anche la notte utilizzando luce pubblica supplementare. Tutto questo non tenendo minimamente conto del fatto che il parco si trova sotto una serie di palazzi abitati da famiglie che da anni sopportano il frastuono che incessantemente entra all’interno delle case e che lamentano questa situazione di degrado senza che nessuno, nonostante le numerose chiamate alle autorità di pubblica sicurezza, se ne sia fatto carico. E’ forse auspicabile lo smantellamento delle strutture ricreative all’interno dei parchi pubblici?”

 

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*