Primi d'Italia

PERUGIA, “ECO LUOGHI 2013”, PROGETTO SUL RIUSO DI 6 CABINE ELETTRICHE

(umbriajournal.com) PERUGIA – Riguarda il riuso di sei cabine elettriche, nella ipotesi di una loro dismissione, il progetto che ha vinto la seconda edizione del consulto nazionale di architettura “Eco_Luoghi 2013 – Progetti di rigenerazione urbana”, organizzato e promosso dall’Associazione Mecenate 90 con Unioncamere e in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare.

Il progetto, presentato e ideato dallo studio di ingegneri perugini HOFLAB (Paolo Belardi, Simone Bori, Matteo Scoccia, Carl Volckerts), ha il sostegno del Comune di Perugia e dell’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” Perugia. Le sei cabine si trovano in Via del Castellano, Via del Cane, Via del Fagiano, Via Faina, Via del Piscinello, Via delle Forze.

E’ incentrato sulla riqualificazione e sulla rivitalizzazione di spazi urbani del centro storico di Perugia, il progetto illustrato questa mattina, in una conferenza stampa a Palazzo dei Priori, dall’assessore Ilio Liberati (Edilizia privata e pubblica e Infrastrutture). Con lui, il professor Paolo Belardi dello Studio Hoflab, l’avvocato Mario Rampini, presidente dell’Accademia di Belle Arti, il dirigente Enrico Antinoro (Governo e Sviluppo del territorio e dell’economia), Marco Montesi e Fabrizio Bottoni per Enel Energia.

L’assessore Liberati: “Le cabine elettriche rappresentano un patrimonio della nostra collettività, sono parte della nostra storia e delle nostre tradizioni. La possibilità di un loro riutilizzo apre a un percorso affascinante e rappresenta una buona pratica, replicabile. E’ un progetto che potrà far parte del dossier di candidatura a Capitale europea della cultura”.

Professor Belardi: “Il progetto sviluppa il concetto del recupero, del riuso e della valorizzazione dell’esistente. Abbiamo ideato un modello di prefabbricato ecosostenibile che trasforma un luogo di produzione di energia elettrica in spazio della lavorazione della materia a opera di giovani artisti”. Belardi ha annunciato che la mostra relativa al concorso si svolgerà a Roma, al Maxxi o al Mac, a partire dalla prossima primavera.

Il Presidente Rampini: “Stiamo lavorando a una diversa offerta formativa dell’Accademia e questo progetto è un ulteriore tassello per sviluppare nuove possibilità operative”.

Ingegner Antinoro: “la candidatura di Perugia a Capitale europea della cultura si basa proprio sulla valorizzazione delle idee, sulla capacità di realizzare progetti con poche risorse, capaci, però, di dare il senso di una città che sa innovarsi. Il progetto, che nasce a Perugia e qui auspico si realizzi, è espressione di questi valori. Una idea che è arricchimento culturale per la città”.

Il Progetto: E’ previsto l’inserimento all’interno delle cabine di un modulo prefabbricato ecosostenibile, con struttura portante in legno. Nuovi eco-luoghi, per l’occasione denominati ARTISiTI, che ospiteranno laboratori temporanei per giovani designer che con la loro produzione artistica, oltre a valorizzare loro stessi, fungeranno da divulgatori dello stile italiano in maniera diffusa nel tessuto urbano.

Il modulo prefabbricato ecosostenibile, realizzato fuori opera, è composto da due elementi di cui uno inferiore e uno superiore. L’elemento inferiore è adibito a laboratorio e spazio esposizione/vendita. Mentre l’elemento superiore (l’altana tecnologica) è costituito da una struttura leggera in profilati metallici e tamponatura in policarbonato traslucido che funge anche da segnale luminoso notturno.

Questo livello presenta una copertura composta da pannelli fotovoltaici (per la produzione di energia elettrica) e da pannelli solari (per la produzione di acqua calda sanitaria) e contiene tutti gli impianti tecnologici utili per i vari sistemi di produzione energetica, oltre alla cisterna a doppia camera utilizzata da un lato per il recupero dell’acqua utile per il servizio igienico e dall’altro per l’utilizzo dell’acqua del laboratorio.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*