Perugia, adotta una strada, raccolti quasi 3 tonnellate di rifiuti a Cenerente

rifiuti 2PERUGIA – Quasi tre tonnellate di rifiuti raccolti in 4 chilometri di strada,  trenta volontari impegnati, due discariche abusive rinvenute. Sono i numeri della nona tappa di “Adotta una strada”, un progetto promosso dal Comune di Perugia e dalle associazioni del territorio. Questa mattina (domenica) sono state ripulite le strade comprese tra Cenerente, l’Oscano e la strada la Forcella. I risultati dell’iniziativa sono andati oltre quanto immaginato. Lorena Pesaresi, assessore all’ambiente del Comune di Perugia, dopo la raccolta ha diramato il seguente comunicato:

Un lavoro pesante quello svolto in particolare oggi da oltre 30 persone volontarie che con le corde (vedi immagini) hanno consentito di recuperare tonnellate di rifiuti (complessivamente 3 tonnellate circa di rifiuti tra ingombranti e rifiuti solidi urbani (vetro, plastica, metalli…) e 1 siringa) dalle profonde scarpate lungo E DENTRO il torrente “OSCANO”. Tutti rifiuti che sono stati riportati faticosamente lungo il ciglio della strada e rimossi grazie al servizio festivo di Gesenu.

Inoltre, una consistente discarica è stata rimossa questa mattina anche nel lato a monte della strada di “ La forcella” (in area nascosta), di cui i servizi comunali e quelli di Gesenu erano già a conoscenza e per la quale sono risaliti ai responsabili di tale scempio, denunciati e multati. Vi giacevano da tempo ingombranti con divani, porte, televisori, rifiuti edili, amianto, mobilio di ogni genere, infissi di ogni genere, materiali idraulici di ogni tipo….

Questi i Risultati della giornata ecologica:

sono stati raccolti (2,8 tonnellate di rifiuti):

5,10 quintali di rifiuti indifferenziati;

2,90 quintali RDM (lattine, vetro, plastica);

20 quintali di ingombranti (Gomme, televisori, divani, seggiole e di tutto di più.. abbandonate nei campi).

 

La prossima Tappa (10°) è prevista il 25 APRILE lungo il percorso del parco di Lacugnano promossa con le associazioni locali del territorio. invitiamo tutti a partecipare . L’11° tappa è prevista domenica 4 maggio a San Martino in Campo promossa sempre con le associazioni e volontari del territorio.

 

Ringraziamo tutte le persone che insieme a me e all’assessore Lomurno sono intervenute con le associazioni ambientali e culturali: Monti del Tezio, AIRR ResiduatReimpiegati Perugia, associazione promozione sociale “La Rabatta”; la Gesenu, i volontari della Protezione civile del Comune di Perugia, i consiglieri comunali Catrana e Mariuccini, per lo sforzo fatto insieme anche in questa 9° tappa di domeniche ecologiche nel territorio comunale..

 

Forse un giorno, spero non troppo lontano, anche gli stolti, gli adulti in genere capiranno di avere torto.

 

Per fortuna che i bambini e le bambine, i ragazzi e le ragazze delle nostre scuole fanno da veri e propri “educatori” verso gli adulti che ancora – pensate – in tanti gettano addirittura i sacchi dell’immondizia domestica dai finestrini delle proprie macchine lungo le strade delle nostre frazioni comunali..

 

Noi vogliamo che la cultura dell’ “ovunque ma non a casa propria”, ovvero rifiuti ovunque ma non nel proprio giardino non funziona più.. e i Controlli ambientali sono e saranno sempre più serrati…

 

N.B. Rimuovere i rifiuti abbandonati ha un costo che grava in maniera consistente nelle tasche dei cittadini perché tali costi sono inclusi nella TIA che tutti paghiamo (200.000 euro circa/anno nel Piano finanziaro TIA) . Mentre con una semplice telefonata al filo diretto di Gesenu per il ritiro a domicilio di rifiuti ingomobranti si ha un servizio gratuito per tutti gli utenti … USIAMOLO!!!

 

Grazie ai giovani, grazie ai progetti di educazione ambientale (GESENU e COMUNE) ormai promossi in tutte le scuole da tanti anni, grazie a tutte le persone sensibili e virtuose che ogni giorno fanno la Raccolta differenziata a domicilio (81% della popolazione perugina).

 

Grazie a loro Perugia ha raggiunto il 60% nel 2013 e siamo ora al 63% nel mese di febbraio-marzo…la prima città capoluogo di regione in Italia dopo Trento-Bolzano.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*