Ordinanza antinquinamento, a Perugia elevate 5 multe

L’ASSESSORE CASAIOLI: “I PERUGINI SI SONO DIMOSTRATI ATTENTI AD UN PROVVEDIMENTO CHE CONTRIBUISCE A MIGLIORARE LA QUALITA’ DELLA VITA”

Ordinanza antinquinamento, a Perugia elevate 5 multe PERUGIA – Sono proseguiti anche nella giornata di oggi i controlli della Polizia Municipale sul rispetto da parte degli automobilisti dell’ordinanza anti-inquinamento.

Dopo le quattro sanzioni elevate ieri sui 30 controlli effettuati, nella giornata di oggi sono state accertate ulteriori cinque violazioni. Queste nel dettaglio: nella mattinata di oggi tra viale Roma e Ponte San Giovanni su 16 controlli sono state due le sanzioni; nel pomeriggio tra via Brunamonti e Ponte San Giovanni su 12 controlli sono state accertate tre violazioni.

“I cittadini di Perugia – ha sottolineato l’assessore alla Mobilità, commercio ed artigianato Cristiana Casaioli – si sono dimostrati anche questa volta piuttosto attenti al rispetto dell’ordinanza che ha disposto il blocco del traffico per i soli mezzi inquinanti, come previsto ed imposto espressamente dalla legge regionale sul miglioramento della qualità dell’aria. Si è trattato di un segno di attenzione da parte dei perugini nei confronti di un provvedimento che mira a tutelare i cittadini stessi ed il territorio in senso generale.

Da tempo l’Amministrazione comunale è impegnata su più fronti con azioni mirate alla tutela dell’ambiente e della qualità dell’aria. L’ordinanza, peraltro obbligatoria in considerazione della legge regionale vigente, è un ulteriore strumento per introdurre una sorta di cambio di mentalità: per il bene collettivo i cittadini dovranno sempre di più prediligere l’utilizzo del mezzo pubblico e di mobilità alternativa, preferendolo a quello privato, specie se inquinante. Su questo progetto e proposito l’attenzione dell’Amministrazione comunale sarà massima, perché in ballo c’è il miglioramento della qualità della vita delle persone che per noi rappresenta un’assoluta priorità”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*