Unipegaso

Leonelli (Pd) torna sulla vicenda dell’accordo quadro con Enel su Pietrafitta

«Occorre – sottolinea Leonelli – spingere per l'individuazione, assieme ad Enel, di progettualità innovative, in un’ottica di generazione di energia Green»

Centrale Pietrafitta, Galgano (CI): Umbria ancora penalizzata rispetto a Toscana e Lazio
Centrale Pietrafitta, la deputata Galgano ha interrogato il governo

Leonelli (Pd) torna sulla vicenda dell’accordo quadro con Enel su Pietrafitta

Il consigliere regionale del Partito Democratico Giacomo Leonelli torna sulla vicenda dell’accordo quadro con Enel sulle Centrali di Bastardo e Pietrafitta, dopo il question time firmato anche dal capogruppo Gianfranco Chiacchieroni.

«L’accordo quadro dello scorso 10 ottobre con Enel, che ci ha illustrato la Giunta – spiega il consigliere Leonelli – rappresenta un passo importante per la riconversione della centrale Pietrafitta, sgombrando il campo da un’eventuale chiusura della stessa e imboccando la strada della riqualificazione complessiva degli impianti in questione e di rilancio dell’intera zona limitrofa».

«Sono in corso processi di stabilizzazione – aveva infatti risposto il vicepresidente della Giunta Paparelli – e non c’è alcun pericolo di chiusura per la centrale di Pietrafitta, almeno nel medio termine, anzi c’è la volontà di intervenire sul sito per qualificarlo ulteriormente. Al momento non c’è l’intenzione di dismettere la centrale di Pietrafitta, che Enel continuerà a sfruttare per la produzione di energia».

«Occorre ora – sottolinea Leonelli – spingere per l’individuazione, assieme ad Enel, di progettualità innovative, in un’ottica di generazione di energia Green, che rafforzino le prospettive di continuità produttiva e occupazionale di quei sito da un periodo di medio termine ad uno di lungo termine».

«Nella Centrale Enel di Pietrafitta – conclude Leonelli – lavorano oggi 39 dipendenti e quel sito, che negli ultimi mesi ha lavorato per molte più ore del previsto, si inserisce in un quadro complesso relativo alla situazione
occupazionale e ambientale circostante. L’eventuale innovazione dell’impianto garantirebbe quindi al contempo una buona prospettiva occupazionale e una sostenibilità ambientale utile sia alla stabilità della
produzione stessa sia alla salubrità dei luoghi».

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*