Primi d'Italia

GUALDO CATTANEO, FRANA, ASSESSORE ROMETTI PARTECIPA A CONSIGLIO COMUNALE

Silvano Rometti
Silvano Rometti
Silvano Rometti

(umbriajournal.com) GUALDO CATTANEO – Fronteggiare l’emergenza per garantire il ripristino della normale viabilità per l’accesso al centro storico di Gualdo Cattaneo e predisporre un piano di interventi per la messa in sicurezza del versante collinare interessato dai dissesti idrogeologici.

E’ indirizzato su due fronti l’intervento della Regione Umbria in seguito al crollo di un piccolo tratto delle antiche mura urbiche di Gualdo Cattaneo: lo ha sottolineato l’assessore regionale all’Ambiente, Silvano Rometti, intervenendo ieri al Consiglio comunale aperto della città che aveva tra i punti all’ordine del giorno proprio i passaggi relativi agli interventi urgenti da realizzare.

Nel corso della riunione, alla quale hanno partecipato oltre al sindaco Andrea Pensi, numerosi cittadini, è stata evidenziata la difficile situazione che si è venuta a creare dopo il crollo di un tratto delle mura di cinta della città che si è verificato a distanza di un anno da una precedente frana in Via della Circonvallazione in seguito alla quale la strada era stata interrotta, tanto che i residenti da allora, dovevano percorrere contromano un tratto di via Circonvallazione per raggiungere le loro abitazioni.

“In seguito all’aggravamento della situazione dovuto al crollo della parte terminale del muro di contenimento della circonvallazione in via Balducci – ha detto l’assessore Rometti – la Regione Umbria rimodulando le risorse stanziate in seguito alle alluvioni di novembre 2012, ha provveduto ad inserire tra gli interventi finanziati al Comune di Gualdo Cattaneo un intervento di somma urgenza. Inoltre, – ha aggiunto Rometti – la Regione si sta impegnando per reperire ulteriori risorse per il completamento dei lavori di messa in sicurezza e ricostruzione del muro di contenimento”.

Le risorse messe a disposizione saranno destinate in primo luogo al consolidamento delle abitazioni sovrastanti attraverso micropali e per la regimazione delle acque meteoriche e di fognatura, nonché ad uno studio geologico finalizzato a valutare le modalità intervento. E’ prevista la posa in opera di un telo impermeabile a protezione dell’area oggetto del dissesto, l’asportazione della vegetazione per verificare le condizioni del paramento murario e il controllo della stabilità del tratto viario della circonvallazione.

“Il fatto che si ripeta un evento di questa portata a distanza di poco tempo da un altro episodio franoso sullo stesso territorio e per il quale la Regione Umbria è intervenuta con risorse pari a 392 mila euro, – ha concluso Rometti – si ritiene indispensabile avviare uno studio per valutare in modo attento la situazione per poi predisporre un piano per la messa in sicurezza dell’intero versante collinare”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*