Giornata mondiale della terra e patto civico sui rifiuti a San Matteo degli Armeni

Giornata Mondiale della terra 2016 alla Biblioteca San Matteo degli Armeni

Giornata mondiale della terra e patto civico sui rifiuti a San Matteo degli Armeni

di Simona Cortona

Il Comune di Perugia aderisce anche quest’anno alla Giornata Mondiale della Terra, indetta dall’ONU nel 1970, che si celebra ogni 22 aprile. Per quel giorno saranno molte le iniziative organizzate presso il Complesso di San Matteo degli Armeni con l’obiettivo di sensibilizzare ad una cultura Green, allo sviluppo sostenibile e alle diverse tematiche ambientali.
Sarà quella l’occasione anche per parlare di un “Patto civico sui rifiuti: – tasse + partecipazione”, nell’ambito di un incontro in cui saranno affrontati tutti i temi della gestione dei rifiuti –dall’esenzione o riduzione della tassa sui rifiuti alla loro tracciabilità, dalla tariffa puntuale alla lotta all’inquinamento, dal decoro urbano alla vigilanza ambientale- con il Vice Sindaco Urbano Barelli, Gesenu s.p.a. e WWF Umbria e per presentare il nuovo portale del Comune interamente dedicato a Ambiente e Smart City.
Il 22 aprile saranno consegnate anche altre aree verdi ad altrettante associazioni del territorio, in vista poi della Festa della Aree verdi che ritorna, anche quest’anno, il 5 giugno.

IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA MONDIALE DELLA TERRA

Ore 9.30- 20 Giardino Biblioteca San Matteo degli Armeni

Mercatino prodotti km 0  a cura delle “Bontà di Perugia”

10.00 –  11.00 “Ecco i più verdi del Reame”  Incontro con Gesenu e le  scuole dell’infanzia  sui temi della corretta separazione domestica, del ciclo integrato dei rifiuti organici e del processo di compostaggio.

Sostanze nutritive per l’uomo e le piante si trasformano, grazie agli organismi decompositori, in sostanze nutritive per la natura ed il terreno. La vita continua il suo ciclo senza “scarti” perché tutto in natura si ricicla.

11.00 – 12.00 Presentazione dati Raccoglincentro e delle nuove guardie ecologiche formate dal WWF. Nuovo portale del Comune di Perugia  dedicato all’ambiente con il Vice Sindaco Urbano Barelli.

12.00  Premiazione concorso fotografico promosso dal canale Instagram @ComunePerugiaOfficial  “Scatti d’ambiente: orti, giardini e parchi a Perugia”

Ore 16 video  Huli Ta Tum Uhw: The Earth is Alive. Un messaggio commovente e appassionato dai popoli della Cost Salish, nell’area di Seattle, in occasione della conferenza delle Nazioni Unite  sul cambiamento climatico

Ore 16.15 trailer del documentario Promised land,  documentario di giustizia sociale che riguarda due tribù del Nordovest del Pacifico: Duwamish e Chinook, impegnate per il ripristino dei diritti stabiliti dai trattati e finora negati. Conoscendo la loro storia scopriremo un problema più grande:  come il Governo e la società considerano i diritti dei trattati e la sovranità tribale.

Ore 17.15 Due donne per la Terra: Wangari Muta Maathai e Berta Caceres, presentate da Marco Fratoddi direttore di La Nuova Ecologia. Wangari Muta Maathai (1940-2011) biologa, attivista, promotrice dello sviluppo sostenibile, ideatrice del Green Belt Movement per la riforestazione del Kenya, premio Nobel per la Pace 2004, è stata fra le prime sei persone accolte nel Giardino dei Giusti di San Matteo degli Armeni. Berta Caceres (1971-2016) è stata un’attivista ambientale e leader della popolazione Lenca in Honduras; coordinatrice del Council of Popular and Indigenous Organizations of Honduras; premiata con il prestigioso Goldman Enviromental Prize nel 2015, è stata assassinata il 3 marzo 2016 per le sue lotte a favore delle popolazioni indigene e della tutela dell’ambiente

Ore 18 Lettura  di “L’uomo che piantava gli alberi”, di Jean Giono, con accompagnamento musicale, a cura dell’Associzione Vivi il Borgo . Parabola sul rapporto uomo-natura, storia esemplare che racconta “come gli uomini potrebbero essere altrettanto efficaci di Dio in altri campi oltre la distruzione”.

Ore 18.30 Concerto UmbriaEnsemble

IL CANTO DELLA TERRA

Dal mito alla follia.

Un viaggio musicale nel fragile e affascinante equilibrio della nostra casa comune, il Pianeta Terra.

Programma:

  1. Debussy : Syrinx
  2. Corelli: La Follia
  3. Grieg: Canto diPrimavera
  4. Mendelssohn: Canto di Primavera
  5. Carbajo: The Universal Sparrow

Ore  19.30 Aperitivo Green  con degustazione dei prodotti dell’orto di san Matteo degli Armeni e altri prodotti offerti dalla Grifolatte e dalla Cantina Goretti.

Ore 21 concerto poetico Suoni Di- Versi (Umberto Maggi e Theo Allegretti) Il Reading/Concerto “Suoni diVersi” nasce dal sodalizio tra il poeta Roberto Maggi ed il pianista Theo Allegretti, con l’intento di ricercare un dialogo mediante i rispettivi linguaggi espressivi che mostrano alcuni tratti comuni. Ne scaturisce un happening che trasporta lo spettatore in un percorso suggestivo e in una dimensione alternativa a quella consueta. La poesia di Roberto Maggi intraprende viaggi di perlustrazione intima, catturando stati d’animo sottili e sfuggenti o fotografando momenti di natura meditativa: una finestra sempre aperta sull’anima e sul proprio mondo interiore. Il pianoforte di Theo Allegretti, attraverso musiche originali di carattere improvvisativo che attingono le proprie sonorità da diverse influenze (ambient, jazz, minimal, contemporanea), si interseca col testo e lo segue, delineando una parallela narrazione ed evocando ulteriori suggestioni.Non si tratta, dunque, di un “reading” usuale col semplice accompagnamento di musica, ma di una vera e propria “performance” in cui gli attori si mettono in gioco, dando adito a risvolti inaspettati.

In occasione della Giornata Mondiale della Terra verrà istituita una nuova fermata del buxino Linea  Z di fronte alla Biblioteca  San Matteo degli Armeni.

LA BIBLIOTECA DI SAN MATTEO

Controllata e protetta a sinistra dal Cassero di Porta Sant’Angelo e dalle mura medievali e a destra dal Convento di San Francesco del Monte in Perugia e la “Casa Monteripido” in cima a Corso Garibaldi sorge la splendida Biblioteca di San Matteo degli Armeni.
Un complesso monumentale risalente al 1273, circondata da un parco di circa 5.000 mq, dove ancora sono visibili alcuni resti delle strutture del XVII secolo, periodo in cui il giardino ebbe il suo massimo splendore con piante ornamentali, fontane e statue.

 Centro di documentazione e ricerca, con un patrimonio librario specializzato sui temi della pace, della nonviolenza, dei diritti umani, del dialogo interculturale e interreligioso e del commercio equo e solidale, dal 2007 al 2012 ha visto importanti lavori di restauro e consolidamento dei danni del sisma del 1997.

Intervento che ha coinvolto diversi enti locali, Regione, Comune, fondi europei Por-Fers Bando Tac 2, per un totale di 1 milione di euro: anni 2007-2009, 806 mila euro, anno 2009, 80 mila euro e il 2012, con un importo di 238 mila euro, per una biblioteca specialistica che comprende anche la biblioteca di Aldo Capitini e il Centro di documentazione ‘Elisabetta Campus’ della Circoscrizione Umbria di Amnesty International.

Ma i lavori hanno interessato anche la parte esterna del complesso adibita ad orti urbani gestiti dall’Associazione di quartiere di Porta Sant’Angelo ‘Vivi il borgo’ dove il 6 marzo scorso è stato inaugurato, dal vice Sindaco del Comune di Perugia, Urbano Barelli, il Giardino dei Giusti del Mondo.
San Matteo degli Armeni però non è solo una biblioteca, un luogo di consultazione immerso nel verde, ma è un luogo di riflessione e contemporaneamente di interazione con il mondo esterno grazie alla connessione WiFi in tutta l’area, attività sociali e di impegno verso gli altri (in biblioteca si possono registrare audiolibri per l’Unione Ciechi) e un centro di promozione di iniziative, dibattiti e studi. La biblioteca non è il “non-luogo” di Marc Augé , ma al contrario un luogo dove le relazioni sociali hanno una dimensione simbolica oltre alla mera utilità pratica. Cultura e ambiente, riqualificazione e nuove funzioni sociali, qualità della vita e amore per la terra. Una biblioteca in cima a corso Garibaldi che piu di ogni altro luogo rappresenta la vocazione di Perugia quale città di pace, crocevia di popoli, culture e religioni nel segno dell’integrazione e del confronto.
Cosa offre la biblioteca
100 posti lettura, consultazione, informazioni bibliografiche, prestito locale e interbibliotecario, postazioni Internet e videoscrittura, riproduzioni, visite guidate, attività culturali, corsi e laboratori di formazione, wifi, MediaLibraryOnLine, sala polivalente piano terra da 80 posti con schermo, videoproiettore, computer, internet, impianto audio, webcam per videoconferenze, sala 40 posti primo piano per incontri e conferenze, sala riunioni 20 posti per associazioni e gruppi, guardaroba e ristoro, sala registrazione per audiolibri progetto “Leggi per me”, pianoforte verticale
La biblioteca è accessibile ai disabili.

 

S. MATTEO DEGLI ARMENI
Il complesso monumentale di San Matteo degli Armeni si trova appena al di fuori delle mura trecentesche, nella zona Nord-Ovest di Perugia, a metà strada tra S. Angelo ed il monastero di Monteripido, in un’area rimasta ancora in parte a conduzione agricola con predominanza della coltura degli olivi. La superficie coperta è di oltre mille mq, di cui 170 sono quelli della chiesa. Il parco-giardino si estende per un’area di circa 4800 mq. La sua origine risale alla metà del XIII secolo, quando monaci Armeni dell’ ordine dei Basiliani arrivarono a Perugia per costruirvi una chiesa, della quale si ha notizia a partire dal 1273.
Una attendibile rappresentazione architettonica di come dovesse essere il complesso, oggi di proprietà del Comune tranne ovviamente la Chiesa, è documentata in particolare dal catasto Chiesa del 1730, che lo raffigura con una tipologia a C. La C racchiude una corte aperta sul lato a valle dove insiste una “piazza” connotata da due linee trasversali. Sappiamo anche che la corte era pavimentata a mattoni e con un pozzo al centro, e che era presente un loggiato, ancora oggi leggibile attraverso un’analisi del rilievo planimetrico dell’edificio e del prospetto verso valle.
Di certo il XVII secolo ha coinciso con l’ultimo periodo di grande prestigio del complesso, che trova la sua massima rappresentazione nella realizzazione delle fontane barocche di cui oggi rimangono le nicchie ed una vasca centrale, probabilmente adibita a peschiera.

CONCORSO INSTAGRAM  @comuneperugiaofficial #Scattambientepg

Il Comune di Perugia promuove un concorso di fotografia dal titolo “Scatti d’ambiente: orti, giardini e parchi a Perugia” sul canale Instagram @ComunePerugiaOfficial a partire dal 13 fino al 20 aprile.  Il concorso ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio ambientale in città e le foto dovranno essere obbligatoriamente di orti, giardini e parchi di Perugia.
Per partecipare al concorso, la foto dovrà essere condivisa sul canale Instagram del Comune @ComunePerugiaOfficial usando l’hasthag #ScattambientePG .
La foto –solo una per ciascun partecipante, pena l’esclusione dal concorso- non dovrà essere già stata oggetto di premiazioni in altri concorsi di carattere nazionale e non deve in alcun modo ledere diritti di terzi, né violare le leggi vigenti.
Saranno ammesse soltanto foto di risoluzione minima 1600×1200 pixel o 1200×1600 pixel in formato orizzontale o verticale e che non superino i 10 Mb; foto “originali”, ottenute da un unico scatto, non ritoccate, sovrapposizioni, fotomontaggi o manipolate; non sono ammesse neanche foto con scritte sovraimpresse, bordi o con altri tipi di addizioni o alterazioni.
La selezione delle foto inviate e la scelta del vincitore sarà effettuata da una giuria di esperti in materia ambientale e fotografica, il cui giudizio sarà insindacabile.
La premiazione si terrà proprio in occasione della Giornata Mondiale della Terra, il prossimo 22 aprile, nel corso della cerimonia alla Biblioteca d San Matteo degli Armeni, a partire dalle ore 12.

Regolamento concorso Instagram 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*