Unipegaso

Amianto Ast-Tk, chi sosteneva che non c’era? Liberati, ecco nuove prove

NUOVE PROVE DEL CONTRARIO, STAVOLTA A FIRMA ASL 2. INTANTO PROSEGUONO ASSORDANTI SILENZI SU CORRUZIONE IN ACCIAIERIA

Amianto Ast-Tk, chi sosteneva che non c’era? Liberati, ecco nuove prove
amianto asbesto

Amianto Ast-Tk, chi sosteneva che non c’era? Liberati, ecco nuove prove. Mentre si fanno ogni giorno più assordanti i silenzi di politica, sindacato e società civile in merito alla corruzione in seno -e contro- la Thyssen di Terni, proseguiamo anche oggi le nostre operazioni-verità: restiamo dentro quello Stato nello Stato che è appunto l’acciaieria AST-TK. Sebbene in ritardo di ben quattro mesi e mezzo rispetto alle nostre richieste, ASL 2 ci ha infatti trasmesso i Piani di bonifica amianto riguardanti il polo siderurgico. Si tratta di documenti ufficiali che rendiamo doverosamente pubblici. Cosa dicono queste carte? Che l’asbesto in Thyssen non è certo sparito nel 1992! Eppure nel sito di Terni i relativi benefici previdenziali sono stati riconosciuti soltanto fino a quell’anno, mentre in quello di Torino -per fare un solo esempio- fino a fine 2003. Come M5S, assicuriamo sin d’ora i lavoratori di AST-TK che certe provinciali connivenze, convenienze e omissioni ricadranno stavolta su altri.

Queste menzogne perdurano ormai da ben 24 anni, favorendo non si sa quali carriere, ma oggi è la stessa ASL ad attestare che l’amianto in AST-TK è largamente presente comunque fino al 2014, fatto peraltro notorio, già annunciato mesi fa tramite nostre testimonianze anche fotografiche. Amareggia infine che non pochi giudici fermino regolarmente al 1992 le lancette dell’amianto in AST-TK, senza disporre una CTU definitiva sullo stabilimento: la legge è uguale per tutti o no? La previdenza degli operai merita la stessa attenzione di quella dei poteri dello Stato o no? Concludiamo allora con le parole dell’avv. Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio nazionale amianto, intervenuto al riguardo nel febbraio scorso unitamente al dott. Nicolò Francesconi, rappresentante regionale ONA: “Il diritto ai benefici amianto non può essere una speciale concessione del feudatario.

Invochiamo l’applicazione del principio di eguaglianza: la discriminazione di cui sono vittime i lavoratori umbri è inaccettabile e il beneficio amianto deve essere anche a loro riconosciuto almeno fino al 02.10.03, anche perché è un risarcimento per l’esposizione a un minerale killer che è dannoso per la salute umana. E, anche chi non si ammala di tumore, comunque vive in media 7 anni in meno”. Vogliamo lealtà. Vogliamo onestà: affermare questi valori a garanzia di tutti è l’impegno del M5S. Che quotidianamente continua a ogni livello assieme a cittadini e lavoratori

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*